Archivi categoria: Bianco e nero

Video

John Coltrane – Blue train (1957)

Storica incisione del 1957 per la Blue Note Records, contiene un assolo di sax tenore che è considerato uno dei migliori del periodo hard bop di Coltrane.

Buon (ri-)ascolto!

Annunci
Video

Una chicca dalle teche RAI

Vi propongo questa versione di “Addio Lugano bella” tratta da “Questo o quello” (1964), trasmissione presentata da Giorgio Gaber
Interpreti lo stesso Giorgio Gaber, Enzo Jannacci, Lino Toffolo, Otello Profazio e Silverio Pisu

New York black&white

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ripesco dal mio archivio queste foto in bianco e nero del 1992.

Per vederne altre clicca qui.

Charles Mingus – Moanin’ (1959 )

Dalla compilation natalizia di Parello vi propongo questa chicca del grande Charles Mingus

Miles Davis – Tutu (1986)

Prima di andarmi a coricare ho il piacere di condividere con voi l’ascolto di un Miles Davis d’annata. Buona notte!

Steve Jobs ci ha lasciati


Nella storia dell’uomo ci sono tre mele che ci hanno cambiato l’esistenza:
la mela di Adamo e Eva, la mela di Isaac Newton e la mela della Apple di Steve Jobs.

Nel giorno della sua scomparsa ricordiamolo riascoltandolo nel suo recente discorso ai neolaureati di Stanford.

Video

Dada-um-pa

Alice ed Ellen Kessler compiono oggi 75 anni. Nate a Nerchau, in Sassonia, il 20 agosto 1936, fuggite con la famiglia nella Germania Ovest, arrivate a 19 anni tra le fila delle mitiche Blubell del Lido di Parigi, gli italiani le scoprirono nel 1961, ospiti della trasmissione televisiva Studio Uno, per le loro gambe mozzafiato, lunghe, lunghissime, che, come ricorda l’Enciclopedia della televisione curata da Aldo Grasso – rischiarono “di provocare uno scandalo” tanto da essere “opportunamente nascoste da pesanti calze di lana scura”.

Dada-um-pa era la sigla musicale di Studio Uno. La canzone – entrata a far parte dell’immaginario collettivo – colpì in maniera particolare il telespettatore medio della televisione nazionalpopolare italiana degli anni sessanta, in virtù della sua orecchiabilità e della danza di accompagnamento eseguita dalle artiste tedesche insieme ai boys Gemelli Black Burns.